Hopperiana. Social distancing before Covid-19

Richard Tuschman©, Pink Bedroom (Family), 2013, Inkjet print on cotton paper, cm 60x90, Edition 4-6, Signed on verso Framed, Courtesy Photology

“Hopperiana. Social distancing before Covid-19” è un progetto fotografico che attinge dall’arte dei quadri di Hopper. Opere rielaborate che raccontano la solitudine, i silenzi e le assenze odierne.

Luca Campigotto, Gregory Crewdson, Franco Fontana e Richard Tuschman sono i protagonisti della mostra “Hopperiana. Social distancing before Covid-19” – terzo capitolo che segue le mostre di Milano (2014) e Noto (2016) – fruibile in modalità virtuale fino al 28 febbraio 2021 sul sito Photology Online Gallery.

Malinconia e solitudine sono protagoniste in questa narrazione visiva, che parte dalla pittura per trasformarsi in particolari opere fotografiche di impatto e ricche di pathos.  Scene che mostrano la società civile, arrivata al “punto di non ritorno” di uno sviluppo tecnologico ed economico che si vede costretta a frenare questo rapido avanzamento per fermarsi a riflettere. Uno sguardo introspettivo sulla contemporaneità, formato da non-luoghi abitati da presenze-assenze. Soggetti a metà tra la figura umana e il manichino, immersi in atmosfere rarefatte, solitarie, lente e pacate.

Proprio come nelle opere di Hopper, il silenzio regna sovrano e circonda una scena spesso deserta dove non appare più di una presenza umana che evoca i toni di una drammatica estraneità e incomunicabilità.

Distanziamento sociale, scenografie urbane, donne e surrealtà

Sono in particolar modo le figure femminili quelle che si caricano di un forte significato simbolico. Eteree e irraggiungibili, assorte nei propri pensieri, lo sguardo è perso nel vuoto e distaccato. Rappresentano la difficoltà di riuscire a trovare il proprio posto all’interno di una società – come quella odierna – nella quale, a causa di una pandemia globale, ci si è trovati in una pandemia sociale che attraverso il distanziamento ha imposto una divisione, privando i soggetti del contatto umano e di conseguenza del fattore di benessere primario.

Interni domestici, scenografie urbane, comunicano un forte senso di inquietudine e quella sensazione di sospensione tra la volontà di proseguire a vivere e l’impossibilità di esistere, attendendo qualcosa che sembra sposti e rimandi  sempre più in là il momento di arrivare.

Proprio come il nostro presente, che ci trova a dover fare i conti con un grande desiderio di andare avanti, spesso interrotto da fasi di lockdown, circondati da solitudine e incomunicabilità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Photology Online Gallery

Photology nei suoi 28 anni di attività, ha permesso di organizzare più di 350 mostre in tutto il mondo, avvalendosi di collaborazioni con artisti internazionali, archivi, fondazioni, gallerie, musei e università. Da qualche anno con sguardo innovativo, ha implementato il concetto di galleria inteso come spazio fisico, creando anche la nuova realtà virtuale di Photology Gallery Online. E dal 2020 tutte le mostre saranno unicamente fruibili sul web permettendo a un sempre maggior numero di pubblico di poter ammirare le opere fotografiche e di acquistarle.

“La piattaforma 3D è disponibile dal 2 settembre 2020 con un sistema di navigazione semplice e intuitivo che permette agli utenti di muoversi all’interno di uno spazio virtuale ma allo stesso tempo del tutto realistico. I lavori esposti possono essere ingranditi, guardati nei dettagli e visti da varie angolazioni. I testi, i contributi video e gli apparati informativi sono inseriti nel contesto espositivo per una omogeneità di informazione. Nel caso di interesse per una visione live privata delle singole opere, vi è la possibilità di fissare appuntamenti specifici accordandosi direttamente con un team di specialisti nelle principali città italiane.”

Per accedere a Photology Online Gallery


[Photocourtesy e Materiali Stampa]

Credito Immagine utilizzata per la cover: Richard Tuschman©, Pink Bedroom (Family), 2013, Inkjet print on cotton paper, cm 60×90, Edition 4-6, Signed on verso Framed, Courtesy Photology

Ufficio stampa Photology
De Angelis press, Milano