Community Menotti ci invita a Teatro

La Community a Teatro

In attesa di tornare a fruire dal vivo, degli spettacoli teatrali,  in questo periodo di Fase 2 milanese, il Teatro Menotti offre la possibilità agli iscritti alla Community, di vedere in versione integrale SBOOM, STRAMILANO e EL NOST MILAN.

Tre titoli imperdibili che hanno caratterizzato la storia del Teatro Menotti, scelti per rappresentare un “unico canto per la città di Milano“.

Per accedere alla visione, è necessario ISCRIVERSI  GRATUITAMENTE alla community del Teatro Menotti  e ricevere tutte le istruzioni necessarie.

2001|SBOOM|MADDALENA CRIPPA|Canti e disincanti degli anni ’60 e dintorni

con MADDALENA CRIPPA – regia di Cristina Pezzoli
con Alessandro Nidi – pianoforte e direzione musicale, Elio Baldi Cantù – tastiere, sax e basso, Giuliano Nidi – contrabbasso e batteria, Samuele Marlieri -clarinetto e sax, Ivan Calestani – fagotto e tastiere

Milano e il Nord: l’amore e la nebbia nella città del progresso tra cemento e silenzio.  Immagini evocate da canzoni e parole – che rappresentano una istantanea dell’Italia degli anni ’60 tra boom e “sboom” (definizione che si deve a Zavattini).
I protagonisti di questa narrazione  sono un’attrice-cantante e cinque musicisti, tra canti e disincanti che si alternano dove si intrecciano la canzone d’autore di Tenco, Jannacci, De André, Conte, le canzonette e i jingles delle pubblicità con le parole di Testori, Pasolini, Gazza, Zavattini, Ortese, Mastronardi e altri ancora.

Sboom, Maddalena Crippa
Sboom – Maddalena Crippa

2004|STRAMILANO/DIENOTT|ADRIANA ASTI  – Storie di una città tra musica e parole

produzione Teatro FilodrammaticiQ.P. Produzioni, arrangiamento e direzione musicale Alessandro Nidi, pianoforte Gianluca Faccini violoncello Ilaria Catozzi clarinetto Alessio Terranova – a cura di Adriana Asti

Adriana Asti  con il suo “monologo” interpreta una donna di Milano che osserva la sua città in evoluzione che giorno dopo giorno sta cambiando e le diventa estranea. Ad accompagnarla in questo viaggio narrativo evocativo, un gruppo di musicanti. Un cammino che si snoda attraverso un labirinto ricco di voci, testimonianze, suoni, rumori, musiche, suggestioni.

Le prose e poesie di scrittori come  Carlo Porta, Emilio De Marchi, Alessandro Manzoni, Carlo Dossi, Arrigo Boito, Giovanni Testori, Delio Tessa, Alberto Arbasino, Camilla Cederna, Gaetano Sbodio, Franco Fortini, Ferdinando Fontana si uniscono alle voci di scrittori, autori musicali e musicisti come Fiorenzo Carpi, Roberto Vecchioni, Enzo Jannacci, Paolo Conte, Giorgio Gaber, Leo Chiosso, Lucio Dalla.

2012|EL NOST MILAN|TIEFFETEATRO/ORCHESTRA DI VIA PADOVA – Concerto teatrale per una città

con i musicisti dell’Orchestra di via Padova e Lucia Vasini, Marco Balbi, Francesca Debri, Roberta De Stefano, Francesca Gemma, Fabio Zulli elaborazione drammaturgica e regia Emilio Russo direzione musicale Massimo Latronico luci Mario Loprevite

Un concerto a colori che, tra suoni, sapori e sfumature è un inno alla fratellanza, alla convivenza civile e alla tolleranza. L’Orchestra di Via Padova – con il suo ricco repertorio etnico – e le canzoni milanesi, si intrecciano con i testi letterari e teatrali di Carlo Bertolazzi, Emilio De Marchi, Pier Paolo Pasolini, Franco Fortini, Michele Serra, Stefano Benni e del poeta senegalese Léopold Sédar Senghor, creando un percorso poetico emozionante, a tratti ironico, che conduce lo spettatore alla riflessione civile.

Uno spettacolo dedicato a tutti quegli “ultimi” spesso invisibili che in una città-patria-mondo multietnica meritano una maggiore attenzione ed espressione di sincera umanità.

«Il teatro canzone, il linguaggio della scena cross-over, la contaminazione tra la parola e la musica identificano, tra le nostre altre esperienze creative, il nostro modo di fare e pensare teatro. La narrazione che proponiamo è articolata lungo la linea di un percorso ventennale dove abbiamo voluto individuare tre tappe fondamentali della nostra storia recente, tre spettacoli con unica grande protagonista, ovvero Milano, la sua storia, i suoi poeti, i suoi musicisti. Raccontata, cantata, amata, odiata.

E se la nostra è la città degli incontri, il nostro teatro non poteva essere più fortunato a condividere il proprio progetto con attori come Adriana Asti, Maddalena Crippa, Marco Balbi, Lucia Vasini, musicisti come Alessandro Nidi e la multietnica Orchestra di Via Padova, per storie ed altre storie dentro e fuori la cerchia dei navigli.

Riguardando gli spettacoli SBOOM, STRAMILANO, EL NOST MILAN, al di là delle marcate differenze estetiche e concettuali, non è affatto difficile, né tanto meno capzioso, trovare un’identità narrativa che ci piace immaginare come un unico canto per la città. Le storie e la sua gente tra il 900 e il nuovo millennio, il senso solido di un’appartenenza che riesce ad accomunare generazione diverse, diversi strati sociali, cittadini vecchi e nuovi.» (Emilio Russo – Direttore Artistico)

Il teatro è vita ed è il mondo dove ogni sogno può diventare realtà, anche il più utopico. Perché l’arte vuole essere da sempre ed è il linguaggio che oltrepassa confini e barriere e insegna la bellezza della diversità e della convivenza civile.

Far  parte di una Comunità ci permette di sentire quel senso di appartenenza, valore da riscoprire che apre le porte su un mondo nuovo, più umano e solidale per tutti.

👉🏻Vi invito a ISCRIVERVI  GRATUITAMENTE alla community del Teatro Menotti  per ricevere le istruzioni necessarie per poter vedere i tre spettacoli e usufruire di tante esclusive promozioni.

La Community a Teatro

[Fonte Comunicato e Photocourtesy Sboom]
Linda Ansalone (Ufficio Stampa Menotti)


🎭 Se amate il teatro, vi consiglio la sezione Il Teatro dello Specchio

Annunci