ROGER WATERS. US + THEM al cinema

Roger Waters, Us and Them Cover articolo

ROGER WATERS.US + THEM il nuovo film concerto tratto dal recente tour di successo di Roger Waters, in visione in più di 2500 cinema di oltre 60 paesi il 7,8 e 9 ottobre. I brani tratti dagli album più noti e apprezzati dai fan dei leggendari Pink Floyd, si alternano alle canzoni tratte dal nuovo album di Waters: Is This The Life We Really Want?

US+THEM il tour mondiale acclamato dalla critica e da un pubblico di 2,3 milioni

156 concerti, brani di successo che hanno percorso – dal maggio 2017 a dicembre 2018 – parecchia strada. Dal nord America, l’Australia, la Nuova Zelanda, l’Europa, la Russia, l’America Latina e il Messico. Riprese eccezionali, tecnologia audio 4K e Dolby Atmosla fanno rivivere sul grande schermo parte di quella magia che caratterizza da sempre le esibizioni dal vivo di Roger Waters, che veicola attraverso la musica messaggi di denuncia, amore e di rispetto. Un evento speciale imperdibile!

«Non vedo l’ora che sia ottobre. – dichiara Waters –  Questo non è il classico concerto rock and roll: alcuni spettatori potrebbero urlare ‘yee haaaa!!!’. Che va benissimo, certo! Ma molti piangeranno. Ed è quello che spero. US + THEM è un invito all’azione. Oggi l’Homo Sapiens si trova ad un bivio: possiamo far sì che l’amore sia l’elemento che ci unisce, possiamo sviluppare la nostra capacità di entrare in empatia con gli altri e agire collettivamente per il bene del nostro pianeta. Oppure possiamo rimanere comodi e insensibili e continuare, come pecoroni ciechi, a percorrere la nostra marcia omicida verso l’estinzione. US + THEM è un voto all’amore e la vita».

Questo slideshow richiede JavaScript.

ROGER WATERS. US + THEM sarà distribuito nei cinema italiani da Nexo Digital (elenco prevendite sul sito ufficiale) solo il 7, 8 e 9 ottobre con i media partner Radio DEEJAY, Rockol.it, Onstage, MYmovies.it

Cosa ha significato per me vedere US+THEM 🆕(2/10/19)

È un film che vi creerà più di una emozione anche a tratti “disturbante” forse e, in fondo, è questo il suo obiettivo. L’amore per Roger Waters non conosce da sempre le mezze misure: o lo ami o lo detesti, ma indubbiamente il suo geniale talento non lascia indifferente nessuno. Quando imbraccia il suo strumento e scarica tutta la potenza, creando quelle note ricche di bellezza riesce a catalizzare l’attenzione dello spettatore più distratto e meno informato. A questo se uniamo la sua schiettezza e la scelta di veicolare messaggi politici di una certa portata, rendiamo il quadro più completo. Senza tralasciare la cura per ogni più piccolo dettaglio. E qui, mi fermo per non spoilerare.

Quando ero in sala, accanto a me si è seduta una signora che durante la fase finale in cui passano i titoli di coda, mi ha raccontato che era lì per capire.  Suo figlio – oggi cinquantenne – quando era più giovane era molto appassionato della musica dei Pink Floyd e lei, all’epoca, non riusciva a capire tutto questo entusiasmo da dove potesse arrivare. Soprattutto si domandava come mai la scelta fosse ricaduta su questo gruppo e non su altri come Beatles o Rolling Stones. Ad oggi, ha concluso, dopo aver visto la grandiosità di questo personaggio, ha capito. Il potere immenso della musica e di certi suoi protagonisti. Mi ha colpita questa rivelazione spontanea.

A me è venuta anche un’altra considerazione. Che nell’universo, chi governa un po’ il caos ad un certo punto della nostra storia, debba aver deciso di mandarci alcuni profeti che non appartenessero a nessuna religione sacra – visti i guai che spesso le dottrine hanno creato. Ha pensato ai musicisti, gli unici reali portatori di un linguaggio che non conosce confini e – come in questo caso – in grado di cercare di buttare giù quei muri inutili e sempre più pericolosi.

«Welcome, my son,
welcome to the machine.
What did you dream?
It’s alright, we told you what to dream.
You dreamed of a big star,
he played a mean guitar.
[…]
So welcome to the machine
da Welcome to the Machine (Benvenuto alla macchina) brano contenuto in Wish You Were Here nono album dei Pink Floyd del 1975

A voi le prossime considerazioni.

Buona visione!👩‍💻

Materiali e Photocourtesy


♣Se vi piacciono contenuti come questo, vi consiglio la sezione MUSICA AL CINEMA

Annunci