Napule è n’ata storia…dai mille culure

Napule è n'ata storia - Mariangela D'Abbraccio

NAPULE È…N’ATA STORIA|Mariangela D’Abbraccio: attrice, cantante  e artista che interpreta ogni personaggio “con il volto mutevole e il cuore colmo di gratitudine“. Assieme  alla band Musica da Ripostiglio è protagonista del concerto-spettacolo al Teatro Menotti di Milano. Una contaminazione di linguaggi,  che nasce  dalla necessità di rievocare l’ incontro tra due artisti. Due maestri per la città di Napoli, come Eduardo De Filippo e Pino Daniele, che si sono stimati, amati e “nutriti l’uno dell’altro“. Un racconto in musica e parole, che dipinge il ritratto di una città dai mille colori.

NAPULE È…N’ATA STORIA|Canzoni di Pino Daniele, parole e versi da Eduardo De Filippo e altri grandi autori napoletani del ‘900  – è il secondo appuntamento di Talkin’Menotti 2019  Rassegna di narrazione e contaminazione – in scena al Teatro Menotti fino al 7 aprile

«Napule è mille culure, (Napule è mille paure)»

Napule è una delle più note canzoni di Pino Daniele. Un testo che racconta di una realtà ferita e sempre in grado di restare in piedi, dove ognuno aspetta la sua fortuna, tra l’odore del mare, un sole amaro e una carta sporca. Un posto in cui passeggiare per i vicoli che”sanno di fritto” e lasciarsi permeare dalle atmosfere e dalla cultura, di sentimenti e atteggiamenti”carnalmente vivi” e tipici di chi vive nel sud.

Napule è…n’ata storia è il titolo dello spettacolo protagonista del secondo appuntamento della rassegna Talkin’Menotti 2019, dedicata alla narrazione e contaminazione. Un racconto in musica, che scava nelle profondità dei sentimenti. Il linguaggio poetico sposa il dialetto. La struttura narrativa si avvale infatti dell’idioma napoletano nei monologhi, nelle letture e nelle canzoni eseguite dal vivo.

«Un “collage” nato da un lavoro di sperimentazione tra mondi affini, Teatro, Musica e Poesia, che si cercano e si incontrano in scena, in un “dialogo immaginario tra giganti” del ‘900. Con una tessitura drammaturgica emozionale ogni canzone s’intreccia con una poesia, un monologo, un frammento del Teatro di Eduardo, che Pino Daniele tanto amava, al quale spesso si era ispirato. Un atto d’amore e di musica, che si sviluppa anche sul piano delle immagini, grazie alle proiezioni e alle video scenografie e che fanno riferimento al Cinema e all’Arte Figurativa del ‘900.»

Brani che attingono dal vasto repertorio di Pino Daniele tra cui possiamo trovare – tra le altre – canzoni come: Lazzari felici, Chi tene o mare,Je so’ pazz, Viento, Cammina cammina, Bella ‘mbriana, A me me piace o’blues, Saglie saglie, Quanno chioveDonna Cuncetta, Napul’è, Sicily, Anna Verrà, Anima.
Testi ricchi di calore, ritmo, pathos e poesia.

Mariangela D’Abbraccio ammalia la platea con la sua splendida voce, la gestualità, la recitazione e una femminilità prorompente e verace.  Infila una dopo l’altra emozioni variegate come perle cangianti, unendole tra loro, come maglie che formano una collana.
A renderle più preziose, la voce di Luca Pirozzi e i suoni ricercati della band Musica da Ripostiglio.

Napule è n'ata storia - Mariangela D'Abbraccio e Musica da Ripostiglio

NAPULE È…N’ATA STORIA Canzoni di Pino Daniele, parole e versi da Eduardo De Filippo e altri grandi autori napoletani del ‘900

Con Mariangela D’Abbraccio
Regia e immagini di Consuelo Barilari
con Musica da Ripostiglio: Luca Pirozzi (chitarra e voce), Luca Giacomelli (chitarre elettriche), Raffaele Toninelli (contrabbasso), Emanuele Pellegrini (batteria) Gianluca Casadei (fisarmonica)
Uno spettacolo a cura di Schegge di Mediterraneo  e Festival d’Eccellenza al Femminile

Teatro Menotti|PhotoCourtesy

Teatro Menotti|Informazioni e biglietti

Via Ciro Menotti 1 Milano – tel. 02 36592544

⇒Se vi interessano altri contenuti come questo vi consiglio la sezione TEATRO DELLO SPECCHIO

Annunci