Syria a Milano: l’in-canto della Roma di Gabriella Ferri

Syria canta la Roma di Gabriella Ferri a Milano

«Perché non canti più?»  è il titolo dello spettacolo di e con Syria, dedicato alla Roma di Gabriella Ferri. Un tributo, un “concerto-racconto” che inaugura la serie di appuntamenti della rassegna Talkin’ Menotti 2019 a Milano

Syria con  «Perché non canti più?» porta a Milano l’incanto della Roma di Gabriella Ferri. Protagonista di un tour in tutta Italia – partito il 31 agosto dal Music Festival di Otricoli (Ri) questo spettacolo inaugura al Teatro Menotti la rassegna di narrazione e contaminazione Talkin’ Menotti 2019

In scena, un grande baule – da cui usciranno diversi accessori colorati – e una “fiasca” di vino – di quelle che si trovano tipicamente nelle osterie.  E già, si inizia a respirare quella che sarà l’atmosfera che caratterizza l’intera serata anche se, si parte con un aria che proviene da una latitudine più a sud.

Remedios e l’amore per la vita a cui Gabriella Ferri dice “Grazie”

«Lalalalalà…
Remedios, niña pequeña, chiquita, hermosa, preciosa
[…] y la alegría, tú cantas consuelo,
tú cantas esperanza, tú cantas remedios»

Dopo aver ascoltato la sua voce originale – da un dialogo registrato, nel quale racconta del suo amore per la vita – lo spettacolo entra nel vivo scivolando sulle emozionanti note latine di Remedios (anno 1974)”. Un inno di speranza , una delle “pietre miliari” del repertorio di canzoni popolari, scritte da Gabriella Ferri. C’è anche una interpretazione di vibrante pathos di Gracias a la vida/Grazie alla vita – versione che la Ferri ha tradotto in italiano dall’inno di Violetta Parra – eroica rappresentante della musica cilena.

Syria Perché non canti più? Photo di Roberto Bertolle
Syria Perché non canti più? Photo di Roberto Bertolle

Passioni proibite, stornelli e una polca indiavolata

«Me sò fatta un quartino
m’ha dato a la testa
ammazza che toppa!»

Dopo il Valzer della Toppa, canzone scritta nel 1960 da Pier Paolo Pasolini – grande passione proibita di Gabriella Ferri – si susseguono le stornellate, le domande cantate: Dove sta zazà?, il divertente intercalare: “Chi?” che vede il coinvolgimento diretto del pubblico, nel racconto cantato della sventurata Eulalia Torricelli da Forlì, per giungere a  Rosamunda con la polca indiavolata, che ogni coppia innamorata, “fa inciampar”, fa cantar e molto altro ancora.

La valigia preziosa da cui Pino Strabioli ha realizzato il concerto-spettacolo. Il tesoro custodito dal figlio di Gabriella Ferri e la strepitosa voce di Syria

Syria Perché non canti più? Photo di Gaia Recchia
Syria Perché non canti più? Photo di Gaia Recchia

«Perché non canti più?» nasce da un idea  che vede la luce grazie anche alla supervisione di Seva, figlio della cantante romana scomparsa nel 2004. Tra una canzone e l’altra, tra una sfumatura colorata e una più malinconica, un ideale filo di lana – rossa – come la valigia da cui sono stati estratti  i ricordi, unisce, cuce e ricama scritti, appunti, scarabocchi, lettere e pensieri della cantante Gabriella Ferri. Un tesoro prezioso custodito amorevolmente.

«Come due attenti artigiani – racconta Strabioli – io e Cecilia, ci siamo messi al telaio e abbiamo unito i fili delle parole scritte alle note, i testi delle canzoni ai pensieri appuntati sulla carta, è nato così “Perché non canti più” dove la forza della canzone si mischia a momenti di vita e in questa serata-concerto si affacciano le strade di Roma, i ricordi dell’infanzia, il primo amore, gli incontri, dalla Magnani a Pasolini. »

Pezzi di vita e di cuore – simili a colorati coriandoli che nel finale riempiono la scena – ritornano a vivere attraverso la splendida voce e la grande interpretazione di Cecilia – Syria – Cipressi.
Artista vera, genuina, una bellezza autentica da romana “de core”.

Milano: città che a teatro ride e si diverte

Milano è una città “col coeur in man” e conferma la sua voglia di lasciarsi trasportare e contaminare anche in questa girandola di sensazioni  di sapore romanesco.

Teatro, sentimenti,  coralità e grande partecipazione del pubblico. Milano ha abbracciato idealmente, e con entusiasmo, la Roma dei ricordi di Gabriella Ferri.
Amo pensare che da lassù lei ci abbia visti e ascoltati e alla domanda «Perché non canti più?» questa volta possa aver risposto: “Continuate a cantare voi per me e con le mie canzoni“.

Syria|«Perchè non canti più?» Concerto-spettacolo per Gabriella Ferri

Ideato da Pino Strabioli e Cecilia Syria Cipressi
Con la supervisione di Seva, figlio di Gabriella
Direzione musicale Davide Ferrario e Massimo Germini (chitarra classica, acustica e melodica)
Produzione Mauro Diazzi

Teatro Menotti|PhotoCourtesy

Roberto Bertolle e Gaia Recchia

Teatro Menotti|Informazioni e biglietti

Via Ciro Menotti 1 Milano – tel. 02 36592544

⇒Potrebbe interessarvi anche la lettura di Bellissime. Voci di donne
spettacolo che ha visto Syria protagonista nell’edizione Talkin’Menotti del 2017

Annunci