IL SANTO alias artistico di ROBERTO SANTORO cantautore, calabrese di nascita, milanese d’adozione.  All’attivo ha 4 album e una prima raccolta poetica – Exit Magarìa – pubblicata nel marzo 2018 e attualmente protagonista di poetiche “presentazioni-cantate .

Viaggiatore e indagatore, ha sempre cercato una personale sintesi dei più svariati linguaggi musicali frequentati in più di vent’anni di attività.

Il 18 maggio sul palco dell’Arci CheckPoint Charlie di Milano, Il Santo presenta un progetto inedito:
DE ANDRÉ L’AMERICANO.

Una serata in musica, oltre il tributo, oltre l’apologia, caratterizzata da una rilettura critica di una parte del repertorio di Fabrizio De André.

Il Santo (voce e chitarra) in DE ANDRÉ L’AMERICANO è accompagnato da Alberto Viganò al basso.

«Agli inizi degli anni ’70, Fabrizio De André cambia orizzonte: quello francese e vagamente retrò si compie, mentre se ne apre un altro, americano e modernista.
Teresa ruba la scena a Marinella, il suonatore Jones a Piero. Prima con l’Antologia di Spoon River, poi, dopo la parentesi dell’ Impiegato, con la transizione dell’album Rosa, che segna simmetricamente il cambiamento. Infine da Volume 8 a Rimini, all’Indiano, la voce di De André si moltiplica, il suo racconto si stratifica e veicola altri miti ed altre presenze: Cohen e Dylan come nuovi modelli, De Gregori e Bubola come portatori di nuova linfa.

E in mezzo la vita, la propria; la maturità, così che nascono le gemme autobiografiche, uniche nel repertorio del nostro.
Questa è una storia apocrifa, ma credibile: la storia di De André, L’Americano.»

DE ANDRÉ L’AMERICANO inaugura come prima serata, la rassegna organizzata dall’Arci CheckPoint Charlie dedicata ai tributi.

Tutte le informazioni e i dettagli sono disponibili ⇒ qui

Il Santo (cover cd Magarìa) ph: Alessandro Tumminello
Il Santo (cover cd Magarìa) ph: Alessandro Tumminello

IL SANTO
In arte Il Santo, Roberto Santoro è un cantautore, calabrese di nascita, milanese d’adozione.
Nel 2006 Angelo Carrara gli produce il suo album d’esordio L’elisir del passionario, diretto dalla produzione artistica di Mauro Pagani, per il quale riceve il Premio Lunezia Future Stelle per il valor MusicalLetterario.
Collabora, per diversi anni, come autore e musicista con Francesco Baccini.
È stato uno dei protagonisti dello spettacolo teatrale Io odio i talent show di e con Mario Luzzatto Fegiz.
Nel 2016 con Magarìa, già finalista al Premio Parodi 2017, ritorna al dialetto e alle visioni delle sue origini, riappropriandosi della propria mitologia personale, alla luce di tutta la ricerca artista e teoretica svolta.
Nel mese di marzo del 2018 pubblica Exit Magarìa, la sua prima raccolta poetica.

Info e riferimenti utili

Roberto Santoro sito ufficiale
Roberto Santoro pagina facebook
Il Santo fan page pagina facebook

Info & Booking: lospecchio2016@gmail.com

MusicArt Blogger, web content editor, comunicazione e promozione.

Rispondi