SELL SYSTEM: Onde elettroniche dall’esoterica Torino

 Sono italianissimi, di Torino esattamente, provengono da esperienze tra loro differenti, ma il loro amore per il Synt-Pop anni 80 li ha uniti sotto il nome di SELL SYSTEM…Attualmente stanno lavorando al loro album OUR LAND che vedrà la luce entro la fine dell’anno, stanno facendo diversi live e sono finalisti nella rosa dei partecipanti al “Moonlight Festival” …
Li abbiamo incontrati, ascoltato la loro musica e abbiamo chiesto loro di rispondere a qualche domanda…Leggete cosa ci hanno raccontato…

  • Ciao ragazzi e benvenuti! Iniziamo con le presentazioni ,per cui vogliamo nomi, cognomi e nomi d’arte, oltre che i vostri ruoli e che raccontiate ai nostri lettori come è nata l’idea di chiamare il gruppo SELL SYSTEM…Ebbene sì siete finiti anche voi sotto il faro indagatorio de Lo Specchio!

Specchio delle mie brame qual’è il gruppo più SynthPop del reame…ebbene eccoci qui ! sellsystem-1-300x200

La band è composta da Enrico Morezzi (Rykux), cantante e arrangiatore, poi abbiamo Davide Gay (D@X) tastierista e grooveman, e per finire Simone Fornaro (Symon) tastierista e song writer.

Il nome SELL SYSTEM è una provocazione, in realtà non è una mera proposta commerciale, ma il nostro modo di regalare emozioni e sensazioni per il puro piacere della musica.

  • Scorrendo le informazioni contenute nella vostra scheda Bio, leggiamo che i SELL SYSTEM nascono nel 2007 “dall’incontro di tre musicisti provenienti da esperienze musicali differenti, ma accomunati dalla passione per la musica elettronica e il synt-pop anni 80”. Quali sono i vostri artisti di riferimento?

 sellsystem-2-300x200Tutte le nostre ispirazioni derivano da esperienze musicali che si intersecano nei mitici anni 80, molti in effetti sono stati i nostri gruppi di riferimento, sicuramente i Depeche Mode, Kraftwerk, Cure, Erasure, Pet Shop Boys i Bronsky Beat… e molti altri.

Tutte queste band ci hanno influenzato nel corso degli anni e grazie a loro abbiamo conosciuto e assimilato la bellezza del pop elettronico e non solo.

  • Nel 2009 esce RED ROOM, il vostro primo EP sotto etichetta BREAKDOWN RECORDS. Dal titolo, visivamente, ci immaginiamo che all’interno delle mura, di una “stanza rossa”, viva un filone narrativo o più storie che si snodano attraverso le 11 tracce contenute nell’album. Siamo curiosi di conoscere qualche particolare della trama di questo “tappeto sonoro” a livello creativo, sul quale avete mosso i primi passi nel mondo della musica elettro-pop…

 La RED ROOM è il luogo in cui abbiamo iniziato a tessere le nostre sonorità ed è nient’altro che una camera con particolari rossi adibita a studio.red_room-150x150

Grazie a questo luogo disperso e incontaminato abbiamo dato vita al 1° singolo “Egocentricity” una storia metropolitana di una ragazza che non sapeva accettarsi, un 2° singolo “Silence of the double faces” che narra le difficoltà nella nostra società delle persone più deboli, per poi arrivare ad altri singoli che parlano del disagio interiore, dell’amore, del lavoro e in alcuni casi anche della pazzia, ingrediente fondamentale che ci caratterizza eheheh

Altri brani degni di nota sono Afternoon Song, Obscurity e Easy Life che denunciano i vizi e la depravazione della società moderna ad altri pezzi più leggeri e ballabili come Time With Me e Thrill of Pleasure.

  •  Il vostro “campo base” è la città nella quale vivete: TORINO, importante polo industriale dell’auto ricca di fascino misterioso ed esoterico. Considerando che il genere elettronico – synt-pop, tuttavia, ha il suo maggiore riscontro in paesi anglossassoni o comunque esteri, com’è stata e com’è attualmente la risposta del pubblico italiano per il genere musicale che avete scelto di fare?

 Il pubblico che si avvicina a questo genere è sempre molto incuriosito ed è composto da persone con età molto diverse tra loro, grazie a ciò riusciamo a coinvolgere molte persone nonostante i torinesi siano un po’ restii alle novità. Per fortuna però grazie al nostro spettacolo live riusciamo a coinvolgere sempre più gente che scopre (o riscopre) la musica elettronica.sellsystem-3-300x200

  • Sempre dalla vostra scheda bio, leggiamo che avete collaborato come band di supporto, con artisti internazioni come i LEVINHURST (ex THE CURE), COVENANT e i connazionali BABYLONIA. Quali ricordi avete di queste esperienze e, se ne esistono, ci raccontate qualche aneddoto curioso, divertente o particolare?

 Avete citato tre live indimenticabili dove per noi è stato un onore suonare al fianco di tre realtà importanti per la nostra crescita artistica.

locandina_sellI LEVINHURST (ex CURE) hanno rappresentato e fatto da colonna sonora alla nostra adolescenza, i Covenant sono una delle più innovative band elettroniche dello scenario mondiale e i nostri amici Babylonia che sono il gruppo di riferimento Italiano per quanto riguarda la musica elettronica.

Aneddoti ne avremmo moltissimi da raccontare ma tra i più divertenti abbiamo impresso nella mente il viso teso del nostro cantante Enrico di fronte ai suoi idoli di sempre gli ex CURE e la sua incapacità di dire una frase di senso compiuto durante la cena con loro, con i COVENANT è stato divertente improvvisarsi come traduttori simultanei per portare a termine il loro soundcheck, con i BABYLONIA invece ricordiamo con affetto la reciproca amicizia e stima che ci lega.

  •  E veniamo al presente…A Gennaio del 2011 avete terminato il lavoro di studio di OUR LAND, album che, presumibilmente, vedrà la luce entro la fine dell’anno., ma sono già in corso live promozionali dei nuovi brani, come quello della serata del 25 Marzo all’Alcatraz ai Murazzi di Torino. E’ inoltre in circolazione sui canali web di You Tube e Facebook, il video di NEXT TO YOU, primo singolo estratto dalle tracce che comporranno il nuovo lavoro, e avete appena partecipato al contest regionale “Moonlight Festival” di Torino, aggiudicandovi la finale nazionale a giugno a Prato. Cosa vi sentite di affermare, in termini di “differenze”, seppure ancora tutte da testare nel tempo, relativamente al nuovo percorso che state intraprendendo, rispetto a quello del 2009 dopo l’uscita di RED ROOM?

 Our Land è un progetto nel quale crediamo moltissimo, è il frutto di tanta voglia di fare un salto di qualità nel nostro stile, nella scelta dei suoni nel modo di cantare. Abbiamo lavorato molto infatti in fase di pre-produzione a ogni singolo dettaglio per rendere il prodotto unico e di grande impatto, speriamo di esserci riusciti al meglio. La “gavetta” di molti lives per la presentazione di RED ROOM ci ha permesso inoltre di raccogliere i pareri del pubblico, di capire dove e in cosa potevamo migliorarci e per strutturare meglio le nostre canzoni. Il Cd comprenderà dieci tracce delle quali una strumentale che da’ proprio il titolo all’album e i nuovi brani saranno tutti molto ballabili, con quel classico ritornello che “rimane in testa”.frame_video_next_to_you-300x250
Non vogliamo svelare doverosamente altri particolari su OUR LAND, per il momento, ma, se ne avrete piacere, vi aspettiamo per un prossimo appuntamento, in prossimità della pubblicazione dell’album, per analizzare meglio e in dettaglio tutte le caratteristiche di questo nuovo lavoro. Lasciamo a voi, quindi, l’ultima parola relativamente a prossimi appuntamenti live o tutte quelle informazioni che ritenete utili e preziose per avvicinarsi al vostro mondo e alla vostra musica. Per ora non ci rimane che dirvi grazie, un grande in bocca al lupo e…a presto!

Innanzitutto grazie a voi per la vostra ospitalità e cordialità!
Un saluto affettuoso a tutti i vostri lettori.

Vi aspettiamo ai nostri prossimi Lives e vi invitiamo a visitare i nostri siti per ascoltare il nostro materiale o semplicemente per lasciarci un saluto.

Grazie a tutti e a presto !

 01/06 — Padiglione 14 (Collegno)
04/06 — Exentia Club (Prato)
30/06 –Estivo (Nichelino)
23/09 — Inferno cafè (Torino)

https://www.facebook.com/pages/SELL-SYSTEM-BAND/362402632790

http://www.reverbnation.com/sellsystem

MusicArt Blogger, web content editor, comunicazione e promozione.

Annalisa Belluco

MusicArt Blogger, web content editor, comunicazione e promozione.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.